Blog

Quanto costa aprire un e-commerce?

mercoledì, 17 gennaio 2018

“Quanto costa realizzare un e-commerce?” questa è la prima domanda che si pongono la maggior parte degli imprenditori o aspiranti tali. Ma è realmente possibile dare una risposta a questa domanda?
La realtà è che molti identificano l’e-commerce come il prodotto, ma pochi comprendono che in realtà si tratta di un canale, di un “luogo” virtuale sulla quale esporre i propri prodotti e portare a termine le transazioni.

Cerchiamo quindi di capire come rispondere alla domanda che affligge tutti gli aspiranti Jeff Bezos (fondatore di Amazon).

Bisogna precisare una cosa, un e-commerce non è un gioco ma una vera e propriaattività imprenditoriale e, come tale, deve essere presa sul serio.  Un esempio di e-commerce di successo è Mulinum realizzato da Stefano Caccavari.

Dopo questa necessaria precisazione, iniziamo con il porci la domanda: “Cosa vogliamo vendere?”.

Sembra una domanda banale, ma in realtà il primo step consiste nel capire con esattezza cosa dovremmo vendere, se si tratta di beni o di servizi. Più specifica è la risposta, più facile sarà la nostra ricerca.
Inoltre, queste informazioni saranno utilissime nella realizzazione del negozio virtuale. Ad esempio, la pagina del prodotto di un e-commerce che vende abbigliamento, potrebbe non essere uguale a quella di uno che vende quadri d’autore.
Ciò perché il primo, deve contenere necessariamente i campi selezionare taglia, colore e quantità; il secondo, vista l’unicità del pezzo, potrebbe avere soltanto l’opzione “acquista”.

Stabilito con precisione cosa si andrà a vendere, si passa alla fase successiva: la “ricerca di mercato”.
Questa fase consiste nella ricerca on-line dei futuri competitors, quindi, stabilire qual è la domanda del bene che si è scelto di vendere, per formulare la relativa offerta.
Durante questa fase, è importante cercare anche di capire quali sono i punti forti e quali quelli deboli degli e-commerce già on-line (analisi dei competitors).
Terminata questa analisi, scrivete su un documento cosa vi piacerebbe replicare sul vostro portale e dove lo avete visto, sarà più semplice spiegarlo poi allo sviluppatore durante il briefing, per la realizzazione del sito e-commerce.

Ovviamente la situazione di un neo-imprenditore alle prese con l’avvio di una nuova attività è diversa da quella di colui che già possiede una sede fisica, alla quale vuole affiancare una virtuale e aumentare così il proprio fatturato.
Chi già lavora in un determinato settore, avrà il vantaggio di conoscere il mercato e di possedere già tutte le licenze necessarie alla vendita di quella tipologia di beni o servizi.

A questo punto la vostra idea si è trasformata in un vero progetto, le prossime fasi saranno:

Lascia un commento

*